Lettere dal cielo / Letters from the sky

Film sperimentali sui cambiamenti climatici

A cura di KAI LOSSGOT – Copenaghen, Danimarca

Proiezioni presso Velan Centro d’Arte Contemporanea, Torino

Video Dia Loghi 2012

Artisti:

ANNA BARAŃSKA / MICHAL BARAŃSKI – Polonia
“Man Belongs to Earth”, 3′, 2008

SOJIN CHUN / ALEXANDRA GELIS – Canada
“Cooling Reactors”, 02’24”, 2011

LOUISE COETZER / OSCAR O’RYAN – Sudafrica
“Dead Air”, 04’15”, 2011

SAMBA FALL – Senegal / Norvegia
“Consomania”, 4′, 2008

IRINA GABIANI – Lussemburgo
“Counting the Infinite”, 4′, 2011

JANE D MARSCHING / MITCHELL JOACHIM / TERREFORM – USA
“Future North”, 03’15”, 2008

SARA NUYTEMANS / ARYA PANDJALU – Olanda / Indonesia
“Treebute to Yogya”, 1′, 2009

KYLE O’DONOGHUE – Sudafrica
“Nor any drop to drink”, 02’31”, 2011

LAURIE SUMIYE – UK / USA
“Struggle for Existence”, 4′, 2010

TERRY WESTBY-NUNN – Sudafrica
“Custom”, 3’04”, 2011

La terra ci parla. Ed è tempo per noi di parlarne nuovamente. I cortometraggi sperimentali presenti in Lettere dal cielo rispondono ai messaggi che il nostro clima ci sta inviando. Per il festival il curatore ha selezionato otto video dai 40 in originale del progetto realizzati da artisti internazionali e registi provenienti da tutto il mondo che hanno unito le forze per un unico screening. Il loro lavoro è sul tema tenutosi durante il vertice globale delle Nazioni Unite sul clima COP17, a Durban nel 2011, a cura di Kai Lossgott.

“Molti di noi si sentono impotenti, la continua distruzione del pianeta da parte dell’uomo e le previsioni cupe per il futuro preoccupano non poco. Ma non ci sono solo brutte notizie”, dice il curatore. Il cambiamento climatico è il movimento sociale che tocca tutti noi, indipendentemente dall’appartenenza etnica, genere, classe, età o religione. Il cambiamento climatico è il movimento giovanile del 21° secolo. Lettere dal cielo chiede agli artisti delle loro risposte personali, per rappresentare una dichiarazione politica e sociale congiunta.